Andrea Galeazzi al “suo” Monte Caio per concludere in gloria la stagione

Andrea Galeazzi al “suo” Monte Caio per concludere in gloria la stagione

Il pilota di Lagrimone disputerà nel prossimo fine settimana la gara più cara, sempre affiancato dal pisano Massimo Maugeri a bordo della propria Citroen DS3 di classe R3T: l’aspirazione è quella di replicare l’ottima performance di dodici mesi fa per arrivare al traguardo della stagione agonistica con un altro risultato di prestigio e confermarsi recordman della Ronde di casa.

L’appuntamento-clou della stagione è alle porte: l’ormai imminente Ronde Monte Caio costituisce per Andrea Galeazzi la gara di casa nel senso più stretto del termine, quella capace di alimentare emozioni e motivazioni uniche. Il 40enne di Lagrimone, infatti, sarà impegnato non solo nella corsa che si snoda sulle strade del proprio territorio, ma anche nella manifestazione della quale l’indimenticato papà Franco è stato tra i fondatori e della quale, ora, lui stesso è tra gli organizzatori.

Andrea (in azione al recente Rally Day Castelli Piacentini nella foto Diessephoto) approderà sul palco partenza di Tizzzano con spirito altissimo, sospinto anche dalle brillanti prove confezionate nei precedenti appuntamenti agonistici del 2018: al Monte Caio, dunque, Andrea cercherà di ritagliarsi un ruolo da protagonista, proprio come accadde lo scorso anno (quando finì nono assoluto e primo di classe) e di tornare sul gradino centrale del podio di R3T, come accaduto all'esordio stagionale, al Taro in versione Internazionale. Gli elementi per fare bene non mancano: a Lagrimone, Andrea ritroverà al suo fianco Massimo Maugeri, il navigatore pisano che lo accompagna da anni ed i due correranno sulla Citroen DS3 che già tante soddisfazioni ha regalato loro.

Tra le motivazioni che sospingeranno l’alfiere di Jolli Corse nella due giorni all'ombra del Monte Caio, c’è anche il desiderio di estendere la serie di primati dei quali Galeazzi è detentore: il figlio d’arte, infatti, è uno dei due piloti sempre presenti nelle precedenti otto edizioni della gara e, soprattutto, è l’unico concorrente ad aver raggiunto sempre il traguardo; inoltre, Andrea vanta anche l’invidiabile primato del maggior numero di successi di classe, grazie ai sette sigilli inanellati dal 2010 al 2017.

E poi, naturalmente, c’è il coinvolgimento nel ruolo di organizzatore, che ha tenuto molto impegnato Andrea in queste ultime settimane: “Come sempre, anche questa vigilia del Monte Caio è un momento molto intenso, impegnativo e caratterizzato da mix di sensazioni speciali - spiega Andrea con il consueto sorriso -. Sul piano sportivo, ci terremo infinitamente a concludere la gara nel migliore dei modi anche per ripagare tutti coloro che hanno vissuto al nostro fianco la stagione e questo periodo, oltre che per condividere la gioia di un bel risultato con la nostra gente. Inoltre, un bel risultato costituirebbe il modo migliore per completare una stagione sinora più che positiva, nella quale abbiamo sempre raggiunto il podio di classe e terminato sempre in ottime posizioni di classifica assoluta. La prova speciale mi piace molto: quest’anno, è stata allungata di oltre un chilometro nella parte iniziale ed è ancora più completa e selettiva. Dove potrei fare la differenza? Personalmente, credo che i primi chilometri, da Tizzano a Musiara Superiore, saranno cruciali… Da componente del comitato organizzatore, mi auguro che il week-end goda di un clima favorevole e che la Ronde Monte Caio 2018 si confermi una grande festa di sport per concorrenti, addetti ai lavori, appassionati e per la comunità locale”.

La 9° Ronde Monte Caio scatterà da Tizzano Val parma sabato 3 novembre alle 18 per entrare subito nel riordino notturno di Lagrimone. La gara vera e propria si disputerà domenica 4, con i quattro passaggi sulla prova ‘Monte Caio’ (46,2 i chilometri cronometrati); la ronde parmense si concluderà a Lagrimone alle 16.15, dopo aver completato 153 chilometri di gara.


Stampa   Email